La Televisione Ŕ la Religione Moderna (Caro Maurizio Costanzo Show... lettera n.6)
lettera n.6

Non basta avere una buona mente; la cosa più importante è usarla bene..

CARTESIO

La televisione è una religione che ha chiese in tutte le case. Se uno ha una piccola televisione, ha una cappelletta. Se ne ha una grossa ha una cappellona... pardon, una cattedrale.

GIGI PICETTI





LA TELEVISIONE E' LA RELIGIONE MODERNA

Caro Maurizio Costanzo Show,

oggi non sopporto i sociologi. Mi ci sono messo a riflettere cinque minuti, e mi è venuto in mente che per essere riconosciuti sociologi è sufficiente conseguire un corso di laurea in sociologia, cioè avere assimilato le nozioni contenute in un certo numero di libri prestabiliti ed avere passato gli esami relativi ad essi (operazione tutt'altro che problematica per una persona di intelligenza normale) Alla fine, il titolato sociologo non è una persona che abbia dimostrato di avere capito qualcosa circa il comportamento della società, ma una persona che abbia dimostrato di avere studiato quello che altri hanno capito circa il comportamento della società. La mia definizione potrebbe suonare un po' estremistica, lo ammetto. Vediamo allora la questione da un'altra angolatura: un tizio studia tutti i libri regolamentari del corso di sociologia, ottiene il suo bravo certificato di sociologo, poi scribacchia maldestri articoli nei quali pasticcia a vanvera con i concetti altrui da lui imparati, o ancora peggio va a dire qualche frase d'effetto in televisione, o si fa chiudere per un anno da solo in una grotta per scrivere un libro ricercando se stesso, ed ecco che la sua identità di sociologo è pienamente conclamata e da tutti accettata. In effetti, basta scrivere che si è sociologi sul biglietto da visita, e quasi tutti ci crederanno. Per tacitare gli increduli basterà citare qua e là a casaccio Mac Luhan e qualcun altro che non so perché io non sono un sociologo.
Proprio perché non sono un sociologo, mi sono imbattuto in alcune mie riflessioni che da nessun sociologo - ahimè - mi è mai sinora accaduto di udire, e che ora riporto a te, caro Maurizio Costanzo Show, e a chiunque, tramite te, di queste mie frasi mai fosse bersaglio.
Il succo è semplice e d'apparenza banale assai, e si riassume in una frase che dice tutto e non dice niente: "LA TELEVISIONE E' LA RELIGIONE MODERNA."
Bella scoperta, diranno in molti. Ma non fermiamoci in superficie, dico io, ed analizziamone le implicazioni. Innanzitutto: a cosa è servita, serve e sempre servirà, in ogni tempo e luogo del mondo, qualsiasi religione? Niente sofismi o risposte tortuose, per favore! Una sola risposta chiara, semplice, pragmatica, inconfutabile: "La religione serve a fornire alla popolazione i modelli comuni di comportamento."
Puoi chiamarli come vuoi: etica, morale, valori ecc. La sostanza è la stessa. In ogni tempo e luogo del mondo la religione serve per comunicare alla gente come bisogna comportarsi. Chiunque abbia davvero fede nella propria religione, si comporta come la sua religione prescrive.
La religione è indispensabile per l'organizzazione sociale, e chi pensa il contrario è un allocco e lo dimostrerò fra poco. Non esistono, né sono mai esistite, società umane prive di religione. C'è a riguardo molta confusione di termini, poiché soltanto le religioni tradizionali appaiono oggi come tali a chiunque di noi (ma non fu sempre così; oggi il cristiano sa che anche il maomettano ha una religione; secoli fa, il non-cristiano era per il cristiano soltanto un infedele non degno di vivere, e infatti era molto popolare la guerra santa, ancora oggi popolarissima tra gli islamici) Le religioni non-tradizionali, invece, non sono ancora state riconosciute come religioni a tutti gli effetti. La più recente e potente tra le nuove religioni non-tradizionali è la Televisione, e nessuno ne ha ancora preso ed espresso pubblicamente piena coscienza.
I sociologi blaterano circa l'ovvia considerazione che la Televisione sia il più potente strumento di comunicazione che mai sia esistito. Questo è vero. Ma è solo l'inizio.
In molti dei paesi dove la Televisione più è dilagata, la religiosità popolare tradizionale s'è fortemente abbassata. Perché? Ciò che sto scrivendo, come già detto, non vuole essere (come infatti non è) un saggio sociologico sulle relazioni esistenti tra televisione e senso religioso, bensì una lettera al Maurizio Costanzo Show ove semplicemente si volga la luce della coscienza collettiva in una direzione sinora poco battuta. Molte e troppe somiglianze si ritrovano nei comportamenti di chi sia devoto ad una religione tradizionale e di chi sia devoto alla Televisione, per liquidarle come coincidenze. Quali somiglianze? Beh, proviamo a scovarne qualcuna insieme:

  • I MODELLI COMUNI DI COMPORTAMENTO: Come già detto, chiunque sia devoto ad una religione, da essa trae i propri modelli di comportamento. Accade ai cristiani, ai buddisti e ai maomettani. E così infatti accade anche ai telespettatori: essi comprano i prodotti pubblicizzati in Televisione, copiano le battute di spirito dai cabarettisti Televisivi, guidano l'auto con la spericolatezza con cui si guida in Televisione (così causando, ad esempio, le famigerate stragi del sabato sera), imparano ad esercitare la violenza con la noncuranza con cui è esercitata in Televisione (come l'altrimenti inspiegato fenomeno della iperviolenza minorile in America dimostra), plasmano le proprie preferenze sessuali sul modello del vasto catalogo di sex-symbols disponibile nell'universo Televisivo, e così via.
  • I DOGMI: Chiunque sia devoto ad una religione, ne accetta irriflessivamente i dogmi. I devoti nella Televisione, credono dogmaticamente a ciò che viene loro detto nel telegiornale (i più smaliziati si compiacciono di credere ad un certo telegiornale più che ad un'altro, ma la sostanza non cambia). Emblematica è a tale proposito la celebre frase, usata per dimostrare la veridicità di un'informazione: "L'ha detto la televisione..."
  • LA "TRANCE": Caratteristica di ogni fedele durante la funzione religiosa è il suo cadere in stato di trance. Accade a buddisti, cattolici, islamici e zulù. Accade anche a chi è immerso in un programma televisivo. Guardando la televisione ci si scollega dalla propria realtà individuale ed il cervello emette onde alfa (segno inconfutabile di un'alterazione dello stato di coscienza). Come in chiesa con il proprio dio, davanti alla Televisione ci si identifica con l'oggetto della propria venerazione, ossia i personaggi Televisivi. Quando l'identificazione non riesce si cambia canale (ci si volge ad un altro santo), ma non si esce di chiesa, cioè non si spegne la Televisione. Si ricorre allo zapping quando non si sa più a che santo votarsi.
  • IL RISPETTO DELL'AUTORITA' SACERDOTALE: Qualsiasi autentico fedele di qualsiasi religione si accosterà tremante a chi incarni il simbolo del proprio culto, ossia l'autorità sacerdotale. Ad osservare i tremori, i balbettii e la solennità interiore di chiunque si trovi a tu per tu con la propria celebrità Televisiva preferita, non sembrano esserci dubbi che si tratti dello stesso e identico fenomeno mentale.
  • L'ERESIA: Una delle caratteristiche di qualsiasi religione che sia talmente potente che i fedeli ne abbiano un'esperienza così assoluta da non essere per nulla consapevoli che si tratti di una religione, è quella di produrre il fenomeno dell'eresia, cioè l'impietosa demolizione di chiunque non dimostri nei fatti di esserne seguace. Accadde - con piccole varianti - nel Cattolicesimo e nel Nazismo, e tuttora avviene - in misura differente - nelle nuove religioni non tradizionali, come la ricerca scientifica, la psicanalisi (Riprenderemo prima o poi, in qualche altra lettera - oppure no... chi lo sa? - l'argomento che anche la scienza, come la psicanalisi - che scienza non è - siano, sostanzialmente, strutturate non molto differentemente rispetto alle religioni tradizionali.), e la Televisione. Provi il lettore, se alle mie parole non crede, a fingere con i suoi interlocutori di non sapere cosa sia il Maurizio Costanzo Show, il Telegiornale, di non sapere chi siano pippobaudo, mikebongiorno, mauriziocostanzo, sgarbi... Insistendo ad oltranza, con chiunque, di non sapere assolutamente chi o che cosa le suddette divinità siano, ci si guadagnerà la fama di individui "strani", asociali, che fan finta di essere matti o invece lo sono. In breve, ci si ritroverà completamente emarginati. E' il marchio dell'eresia moderna. Eppure, quasi nessuno di noi ha mai veduto le suddette divinità con i propri occhi... dal vivo! Esse alloggiano nei nostri cervelli poiché cogliamo la loro essenza in Televisione, così come il buon cristiano coglie l'essenza di Dio in Chiesa. Poiché l'essenza Televisiva è più facile da cogliere di quella ecclesiale, in quanto è corredata di ottime immagini a colori e suoni convincenti (ora anche stereo), la religione Televisiva sta completamente soppiantando quella ecclesiale tradizionale.

    La più grossa forza della religione Televisiva è che tutti i suoi fedeli - che pure più o meno sanno cosa sia una religione - non hanno coscienza che si tratti di una religione, e ne sono quindi devoti come di più non potrebbero. Con ciò non traggo conclusioni morali sulla maggiore o minore "bontà" della religione Televisiva. Bontà e Cattiveria sono categorie infide, che mai riscuotono unità di giudizio. Indubbiamente dovettero apparire "cattivi", agli eretici torturati dall'Inquisizione Cristiana, i sacerdoti di Santa Madre Chiesa, i quali li torturavano non per propria cattiveria, ma per genuina convinzione che i "cattivi" fossero gli altri.
    La religione Televisiva non è né buona, né cattiva, sebbene in essa possa essere colto sia il Bene che il Male. La Televisione fornisce oggi a tutti noi i modelli comuni di comportamento. Insegna il valore dell'ecologia (valore del tutto assente in tutti i paesi dove la Televisione non l'abbia a lungo promosso), ma anche il valore della violenza (è questo per taluni, me compreso, un valore negativo, ma per altri un valore positivo, tanto è vero che viene da molti con fierezza esercitata). Insegna il valore dei diritti civili, ma anche il valore dei doveri consumistici, condizionandoci a dover consumare, consumare, e sempre più lavorare per più consumare. Insegna il valore della lealtà sportiva, ma anche della guerriglia tra tifoserie, stigmatizzandola a parole, ma allo stesso tempo promuovendola, facendone un mito negativo della trasgressione. Insegna il valore della solidarietà, ma anche quello del rampantismo, della ricchezza a tutti i costi. Insegna il valore del Cattolicesimo, tenendoci aggiornati sulle orazioni papali, ma anche il valore di una visione esclusivamente genitale del sesso, rendendoci disponibili migliaia di videocassette porno. Insegna il valore di essere come madreteresadicalcutta, ma anche il valore del consumismo sentimentale all'americana.
    Capisci, caro Maurizio Costanzo Show, come stanno le cose? La maggior parte dei nostri valori e delle nostre convinzioni ci sono al giorno d'oggi forniti dalla Televisione, proprio come ci erano una volta fornite dal timor di Dio. Ma la Televisione esiste da poco tempo, da pochissimo tempo. La maggior parte degli italiani è cresciuta senza il timor della Televisione, ed una conversione in età adulta non vale una fede radicata fin dai primi anni di vita. I veri ed autentici adepti assoluti alla religione della Televisione sono soltanto i ragazzi che ancora stanno crescendo... ed è quindi nella società del domani, quando tutti saranno cresciuti sin dall'inizio nel timor Televisivo, che vedremo appieno gli eclatanti effetti della rivoluzione in atto...
    Speculare è lecito, divertente e talvolta doveroso, caro Maurizio Costanzo Show. Sarà in un'altra lettera, forse, che mi sbizzarrirò a speculare su come sarà la società futura, quando la Televisione regnerà sovrana tra le religioni del mondo, un regno così assoluto che i sudditi vi obbediranno ciecamente, con devozione pari a quella che altri sudditi, in altri tempi, nutrirono verso il loro re, il loro papa, o verso lo stregone del villaggio. Coscienti soltanto dell'incolmabile diversità gerarchica che li separerà dai loro nuovi dèi.

    Roberto Quaglia


    Thousands of people waiting to meet you at FriendFinder personals!



    Commenti.

    Mi piace! Mi piace! Mi piace!

    Indice delle lettere.

    Copertina.

    Ma chi è Roberto Quaglia?





    L'opera "Caro Maurizio Costanzo Show...", nel suo insieme o in parte, può essere letta, scaricata su computer, stampata e copiata senza limiti, solo per uso personale. Tutti i testi e le illustrazioni sono proprietà di Roberto Quaglia e non possono essere utilizzati interamente o in parte senza autorizzazione. Il progetto grafico e le componenti grafiche di queste pagine sono proprietà riservata di Roberto Quaglia. L'opera "Caro Maurizio Costanzo Show...", nel suo insieme o in parte, non può essere messa in vendita a nessun titolo senza previa autorizzazione.
    © 1994-2000 Roberto Quaglia.



















    Internet Link Exchange
    Member of the Internet Link Exchange
Chi indovina cosa serve questo testo nascosto è bravo. Chi non lo indovina è scemo. Scemo chi legge. Non c'è nessun bisogno che leggiate quanto segue, se no non sarebbe stato scritto in modo così poco visibile. Si tratta infatti di Roberto Quaglia e le sue lettere a Canale 5, ed ecco il vero contenuto del gran calderone dei miti che al Maurizio Costanzo Show ribollono, dal talk show con Telesogno a Maurizio Costanzo a Roma, in Italia, Italy, e Vittorio Sgarbi con Gene Gnocchi va a programmi televisivi in tivù, trance, dogmi, eresia, religione, sacerdotale, cattolicesimo, mitico, Trance, dogma e dogmatico, eresia ed eretico, religione e religioso, autoritÓ sacerdotale, rispetto dell'autoritÓ sacerdotale, profano e profanazioni, scismatico e scisma, la TV dei teledipendenti con teledipendenza da telegenico e telegenici, cioè fenomeni emergenti, cioè libri on line del mitico Vasco Rossi, e Maria de Filippi con Amici a teatro Parioli, e i libri virtuali, e la letteratura su Internet, quella letteratura italiana che umorismo o humour o humor non è, cioè saggistica da vero saggio, un carteggio da star televisive senza consigli per gli acquisti. Libri buoni del totem televisivo. Striscia la Notizia, archetipi, Maurizio Costanzo Show, Carmelo Bene, Gene Gnocchi, Ezio Greggio, Umberto Eco è saggio, Stefania Rocca è sublime, genio, genialità geniale politica, Anna Falchi, Lorena Forteza, Carmen Russo, Lory Del Santo, Giucas Casella, cultura. Moana Pozzi, Cicciolina, Alberto Tomba, Selen, Vittorio Sgarbi, Mara Vernier, Carmelo Bene. Che nella ammucchiata! Giorgio Gori, Carlo Freccero e Antonio Ricci. Anche Silvio Berlusconi. Demenziale e demenzialità? Striscia la Notizia. Pubblicità da Piero Angela con Claudia Koll, genio, genialità geniale estrapolazione, Dio è intelligente, Dio è un emergente, Maria de Filippi, Maurizio Costanzo Show, sballato, pornostar italiane, scrittori emergenti con intelligenza e fantasia, Gene Gnocchi, Valeria Marini, Elio e le storie tese sono un cult, Vittorio Sgarbi, Lorena Forteza, Carmelo Bene, Anna Falchi, Carmen Russo, Lory Del Santo, Giucas Casella, Striscia la Notizia, Emilio Fede, demenziale, demenzialità, rivoluzione culturale, Dio ama Stefania Rocca e Claudia Koll, e anche Anna Falchi. Lo scrittore pazzo, genio, genialità geniale Italo Calvino, pazzia, follia, Maria de Filippi, Lorena Forteza, Carmen Russo, Lory Del Santo, Giucas Casella, mostro, Italian writers, Piero Angela, Carmelo Bene, Elio e le storie tese, Stefania Rocca, Claudia Koll, Italian Authors, Striscia la Notizia, Vasco Rossi, Emilio Fede, pornostar italiane, Italian myths, pazzesco, Elio e le storie tese, Sgarbi Quotidiani, Dio, mitico, divi e divismo, divismo televisivo, letteratura allucinante, libri bellissimi, fa tendenza, Fantozzi, Vasco Rossi, Renzo Arbore, Ezio Greggio, Stefania Rocca, Claudia Koll, il ragioniere Fantozzi è un provocatore e fa la rivoluzione, Stefania Rocca, Claudia Koll, Lorena Forteza, Carmen Russo, Lory Del Santo, Giucas Casella, Umberto Eco è saggio,Luigi Pirandello, follia e pazzia, il folle e gli invasati, ospiti del Maurizio Costanzo Show, Ambra Angiolini e Boncompagni, Mike Bongiorno, Pippo Baudo, Dio, Cristo, Madonna, Alberto Tomba, Bruno Vespa, Piero Angela, Alberoni, Fazio, fazioso, Renzo Arbore, Gene Gnocchi, Roberto Baggio, Pacciani, tutti a striscia la notizia. Mara Vernier, Valeria Marini, Ambra, Ezio Greggio, teenager, Moana Pozzi, Cicciolina, Selen, pornostar italiane, Jessica Rizzo, Luana Borgia, Carmelo Bene. Lorena Forteza, Carmen Russo, Lory Del Santo, Giucas Casella, Stefania Rocca, Claudia Koll, Anna Falchi.
Giorgio Gori è sposato con Jerry Calà non è Charlie Chaplin né Walter Chiari né Renato Pozzetto anche se iniziava con lui e Gina Lollobrigida o Sophia Loren da Vittorio Cecchi Gori al cinema. Giuliano Ferrara è magro. Simona Ventura anche. Milli D'Abbraccio o Milly d'Abbraccio oppure Milli d'Abbraccio? Eva Orlowsky non ha questo problema. Né Fabrizio Frizzi, Carmen Lasorella o Carmen La Sorella, Lilly Gruber, Rita Dalla Chiesa e Marta Flavi con Maurizio Costanzo e Simona Izzo. Il Pippo Chennedy Show è come Avanzi. Antonio de Curtis, detto Totò. Orazio, di Costanzo. Umberto Smaila e i Gatti di Vicolo Miracoli, VIP italiani o Vip Italiani o V.I.P. Italiani. Diego Abatantuomo. Paola Barale, Armando Maradona è meglio di Pelè? Diego della Valle. Ninì Salerno o Nini Salerno, Pupi Avati, Luigi Comencini, Carlo Vanzina e i fratelli Vanzina oppure Castellano e Pipolo detti Castellano & Pipolo, poi c'è Steno e Dino Risi o Marco Risi. Giuseppe Bertolucci e Daniele Luchetti e Bernardo Bertolucci. Neri Parenti. Ornella Muti non è Antonio Banderas. Vittorio Gasmann con Nino Manfredi, Alighiero Noschese e Bruno Vespa fanno il Michele Santoro che Claudio Bisio senza che il Pesce di Acqua Dolce abbia altrettante voci su Internet dell'Uomo di Acqua dolce Antonio Albanese, di MARIO E VITTORIO CECCHI GORI. Antonio Albanese è un Uomo di Acqua Dolce. Serena Dandini fa ridere. Paolo rossi fa ridere. Roberto Benigni è simpatico. C'è anche Francesco Nuti e Maurizio Nichetti e poi basta. Sabina Guzzanti, Michael Schumacher, e il Salvi il Vicegabibbo. Mario Marenco da Roma, Michel Pergolani da Londra, Isabella Rosselini da New York. Riccardo Pazzaglia, il filosofo partenopeo nel brodo pimordiale, Massimo Catalano, l'intellettuale lapalissiano, Maurizio Ferrini, Simona Marchini, Aldo Busi Marisa Laurito, Roberto D'Agostino, Andy Luotto, Cacao Meravigliao, Lella Costa, Carosello. Lino Banfi e Lello Arena e Massimo Troisi. In pratica, attori italiani. Gigi Marzullo. Anarchia. Sballo. Alessandro Cecchi Paone ha gli occhiali. Edson ARANTES DO NASCIMENTO (Pelé) non ce li ha. Giuncas Casella non esiste. Silvio Orlando un po' sì. Jeff Koons è un cabarettista. Ilona Staller è una mamma. Arnold Schwarzenegger è in realtà Aldo Calzenegre. Sylvester Stallone in realtà non è. Le Sorelle Bandiera sono anziane. Otto e Barnelli anni fa sono stati in Panteca. Alto Gradimento. Paolo Guzzanti e Alberto Arbasino con Goffredo Fofi da Enrico Ghezzi. Curzio Maltese con Piero Ottone e Oreste del Buono vanno a passeggio. Sergio Staino con Michele Serra e Ellekappa più Vincino e Vincenzo Sparagna e Altan, senza omettere le Spice Girls e Luchino Visconti, come Wim Wenders e Michelangelo Antonioni, Marcello Mastroianni assieme a Monica Vitti e Claudia Cardinale, Mariangela Melato, Maria Callas, Brigitte Bardot e Greta Garbo. Federico Zeri, invece, se la fa con Leonardo da Vinci, Giotto, Modigliani e Cesare Pavese suicida, e se Corrado Augias con Riccardo Muti da Giangiacomo Feltrinelli e Beethoven non si godono un po' di Jean Michel Jarre, Loretta Goggi con Max Cipollino non combina nulla. Pazzesca Liliana Cavani e Lina Wertmüller o Lina Wertmuller come scrivono gli italiani del paese dei cachi. Intanto, i Puffi sballano. Marco Balestri scherza. Quentin Tarantino anche. E Michele Placido che fa? Teatro? Iva Zanicchi non è Milagros, né Ombretta Colli o Giorgio Gaber. Tantomeno Jannacci. E Enzo Jannacci non è Jacovitti. Ricordate Jacovitti? Pavarotti canta. Enzo Tortora non può più. Sailor Moon piace. Lello Arena anche. Terry Gilliam dei Monty Python è buffo. E Arnaldo Bagnasco che fa? Mixercultura. Non ci stanno male un po' di attori. Buoni Attori Italiani. Personaggi Pubblici. V.I.P. Star dello starsystem che fanno trend. Con un buon look. LOOK! Di Moda. Sballati. Personaggi pubblici di moda, vip che sono buoni attori italiani. Giancarlo Esposito, Michael J.Fox, Mel Gibson, Sophie Marceau, Alessandro Haber, Leo Gullotta, Daniele Formica, Milena Vukotic, Daniele Luttazzi, Susan Saradon, Cindy Crawford, Al Pacino, John Travolta, Danny De Vito, Anthony Hopkins, Robert De Niro, Antonio Banderas, Victoria Abril, Carmen Maura, Giulio Scarpati, Giuliana De Sio, Carmen Russo, Lory Del Santo, Giucas Casella, F.Murray Abraham, Mira Sorvino, Eva Grimaldi, Karin Well, Gabriele Gori, Asia Argento, Dario Argento, Rocco Siffredi, Rosa Caracciolo, Nikita Gross, Pamela Anderson, Meryl Streep, Bo Derek, Richard Chamberlain, Alessandro Gassman, Gianmarco Tognazzi, Virna Lisi, Margherita Buy, Miss Pomodoro, Riccardo Schicchi, Galatea Ranzi, Luca Zingaretti, Sabrina Ferilli, Swetta Silvestru, Cinthya Raffael, Barbara Dobson, Betty Gabor, Anita Ranieri, Kathy Marceau,Rocco Tanica, Chloe Dolys, Agnes Zabo, Dorothea Marek, Elio e le storie tese, e qui si finisce a far la pornostar, magari la pronostar italiana, una delle tante pornostar italiane, cioè del mondo del porno, cioè roba erotica o erotico, in pratica erotismo, una faccenda di sesso selvaggio. Stefano Rodotà è dissidente. Mauro Rostagno è morto. Pietro Citati è uno scrittore, come Luigi Malerba, Dacia Maraini, Alessandro Barbero e Giampaolo Pansa. Jacopo Fo è il figlio di Dario Fo, che è sposato con Franca Rame. Claudia Salvatori scrive buoni libri gialli per Marco Tropea. Luciano de Crescenzo è popolare. Alessandro Baricco con Antonio Tabucchi, Liala, Sveva Casati Modignani e Alejandro Jodorowsky si accozzano con Katia Svizzero, Renato Rascel, Massimo Ghini, Heather Parisi, Luciano Pavarotti, Rosanna Lambertucci, Flaminia Morandi, Maria De Filippi, Indro Montanelli, Lori Sammartino, Camilla Costanzo, Saverio Costanzo, Bontà loro e bontà loro nonché Bontà Loro. Acquario. Contatto. Ugo Porcelli e Pietro Garinei, Teatro Sistina, Fascination, Simona Izzo, situation-comedy Orazio, o invece, situation comedy Orazio o sitcom Orazio o sit-com Orazio, TV Palatino, Valentino Rocca e Franco Bracardi, Marta Flavi, Buona Domenica, Mediaset, Canale 5, Wendy Windham, Peppino De Filippo, Luigi De Filippo, Carlo Bo, Paolo Hendel, Catherine Spaak, Eros e Priapo, Benito Mussolini, Julio Iglesias, Barbara Bouchet, Renzo Montagnani, Anna Galiena, Sandro Mayer, Tomas Milian, Alvaro Vitali, Alberto Castagna, Natassja Kinski, Rita Forte, Elisabetta Ferracini, Antonella Clerici, Tullio Solenghi, I Ricchi e Poveri, i ricchi e poveri, o invece i Ricchi e Poveri, Bice Valori, Beppe Grillo, Natasha Stefanenko, Aldo Fabrizi, Adolfo Celi, Kabir Bedi, Luigi Comencini, Anna Magnani, Giancarlo Magalli, Maria Schneider, Alan Friedman, Teo Teocoli, Catherine Spaak, Lello Arena, Riccardo Muti, Milva, Max Biaggi, Susanna Agnelli, Giulietta Masina, Fulco Pratesi, Luigi Calabrese, Lotta Continua, Paolo Liguori, Enrico Mentana, Nancy Brilli, Gigliola Cinquetti, Tito Baroni, Sandra Mondaini, Carlo De Benedetti e Silvia Monti, Luca Barbareschi e Piersilvio Berlusconi, trance, dogmi, eresia, religione, sacerdotale, cattolicesimo, mitico, Trance, dogma e dogmatico, eresia ed eretico, religione e religioso, autoritÓ sacerdotale, rispetto dell'autoritÓ sacerdotale, profano e profanazioni, scismatico e scisma, Gianni Letta, Marcello Dell'Utri, Pacciani, Claudia Koll, Mara Vernier, Valeria Marini, Ezio Greggio, Anna Falchi, Carmen Russo, Lory Del Santo, Giucas Casella, Gene Gnocchi, trance, dogmi, eresia, religione, sacerdotale, cattolicesimo, mitico, Trance, dogma e dogmatico, eresia ed eretico, religione e religioso, autoritÓ sacerdotale, rispetto dell'autoritÓ sacerdotale, profano e profanazioni, scismatico e scisma, Tullio Solenghi, Beppe Grillo, Teo Teocoli, Luca Barbareschi, Giorgio Gori, Carlo Freccero, Silvio Berlusconi, Stefania Rocca, Paola Barale, Carla Bruni, Angela Cavagna, Alberto Castagna, Paolo Bonolis, Vincenzo Mollica, Asia Argento, Claudia Koll, Aldo Busi, Stefano Benni, Pippo Baudo, Paolo Bonolis, Pippo Baudo, Steno e Dino Risi o Marco Risi. Vittorio Gasmann con Nino Manfredi, Alighiero Noschese e Bruno Vespa fanno il Michele Santoro che Valeria Marini e Claudio Bisio senza che il Pesce di Acqua Dolce abbia altrettante voci su Internet dell'Uomo di Acqua dolce Antonio Albanese, di MARIO E VITTORIO CECCHI GORI. Paolo rossi fa ridere. Roberto Benigni è simpatico. C'è anche Francesco Nuti e Maurizio Nichetti e poi basta. Giuseppe Bertolucci e Daniele Luchetti e Bernardo Bertolucci. Neri Parenti. Ornella Muti non è Antonio Banderas. Sabina Guzzanti, Alessia Marcuzzi, Valeria Marini, Michael Schumacher, Arrigo Sacci e Cesare Maldini. Valeria Marini, Bambola, Antonio Albanese è un Uomo di Acqua Dolce. Serena Dandini fa ridere. Poi c'è Gianfranco d'Angelo e Giovannino Guareschi. Jo Squillo, e Patty Pravo con Mina e Achille Festa Campanile senza Mogol o Umberto Tozzi, ma con Francesco de Gregori e Claudio Baglioni senza trascurare Lucio Battisti e Franco Battiato si distinguono da Eros Ramazzotti e Marco Masini e Valeria Marini,che canta Vaffanculo. Francesco Guccini fa rima con Francesco Baccini. Fabrizio de Andrè su Internet si dice Fabrizio de Andrè oppure Fabrizio de André o invece Fabrizio de Andre? Toto Cotugno è una star in Romania. Albano e Romina Power anche. Pippo Baudo ama Katia Ricciarelli. Katia Ricciarelli ama Maurizio Costanzo. Talk Show. Talkshow. Oscar Wilde non era uno scemo.sono anni 60. Ugo Tognazzi e Raimondo Vianello sono meglio di Franco e Ciccio, Franco Franchi e Ciccio Ingrassia. Marco Ferreri è regista anticonformista. Gabriele Salvatores, Paolo Bonolis, Alba Parietti, Antonella Elia, Natalia Estrada, Anna Valle, Pamela Prati, Alessia Marcuzzi, Francesca Neri, Angelica Bella, Anita Rinaldi, Debora Caprioglio, Sonia Gray, Fanny Cadeo, Rosa Caracciolo, Carmen Di Pietro, Giobbe Covatta, Raffaella Zardo, Raffaella Zardo, Luana Borgia sono una bella lista di figure assortite. Gigi Sabani con Valerio Merola e il suo Merolone. Andrea Roncato è intelligente. Striscia la notizia! Otto e Barnelli anni fa sono stati in Panteca. Alto Gradimento. Paolo Guzzanti e Alberto Arbasino con Goffredo Fofi da Enrico Ghezzi. Curzio Maltese con Piero Ottone e Oreste del Buono vanno a passeggio. Raffaella Carrà, Gianni Riotta, Gianfranco Funari, Stefania Sandrelli con Giordano Bruno e Brosio e Giordano Bruno Guerri vanno da Irene Pivetti o Veronica Pivetti o l'abate Faria insieme a Hermann Hesse e Paolo Brosio o Mendella a casa di Franca Valeri. Jean Paul Sartre e Simone de Beauvoir con Lucio Colletti non vanno da Enzo Bettiza Sergio Staino con Michele Serra e Ellekappa più Vincino e Vincenzo Sparagna e Altan, senza omettere le Spice Girls e Luchino Visconti, come Wim Wenders e Michelangelo Antonioni, Marcello Mastroianni assieme a Monica Vitti e Claudia Cardinale, Mariangela Melato, Maria Callas, Brigitte Bardot e Greta Garbo. Federico Zeri, invece, se la fa con Leonardo da Vinci, Giotto, Modigliani e Cesare Pavese suicida, e se Corrado Augias con Riccardo Muti da Giangiacomo Feltrinelli e Beethoven non si godono un po' di Jean Michel Jarre, Loretta Goggi con Max Cipollino non combina nulla. Pazzesca Liliana Cavani e Lina Wertmüller o Lina Wertmuller come scrivono gli italiani del paese dei cachi. Intanto, i Puffi sballano. Marco Balestri scherza. Quentin Tarantino anche. E Michele Placido che fa? Teatro? Iva Zanicchi non è Milagros, né Ombretta Colli o Giorgio Gaber. Norberto Bobbio, Cesare Cases, Natalia Ginzburg, Massimo Mila, Lalla Romano hanno a che fare con il premio Calvino di Torino, dellla Associazione Italo Calvino. Nino Bergese, non detto Che Guevara, e neppure Charles Bukowski (pace all'anima sua) o Robert Sheckley o Norman Spinrad o Gardner Dozois o Isaac Asimov, tanto per non citare Citati. Dino Buzzati e Maria Bellonci, con Italo Svevo in testa e Gabriele d'Annunzio al seguito, non senza Alessandro Manzoni, Giacomo Leopardi, Giosuè Carducci, Verga, Dante, Ugo Foscolo e soprattutto il migliore di tutti, Pietro l'Aretino, (ma anche Eugenio Montale non scherza) parlano italiano anziché tedesco come Peter Handke, il crucco dei crucchi più crucchi di Franz Kafka, per il quale Alta Vista trova 12612 voci diverse. Vasco Pratolini, Elio Vittorini e Cesare Zavattini fanno rima. Ovidio e Sallustio no. Neppure Plutarco e Plauto e Pluto, il cane di Topolino, l'amico di Gambadilegno e Macchia Nera e Zio Paperone e Paperino e Angelo Rizzoli. Carlo Emilio Gadda è ottimo, così Primo Levi. Nicolò Macchiavelli era machiavellico. Anthony Burgess ha scritto Arancia Meccanica, o arancia meccanica. Jim Morrison è morto celebre. Anna Frank pure. Raymond Queneau è interessante. Bianca Berlinguer è la figlia di Enrico Berlinguer. Margherita Hack è un'astronoma. Antonino Zichichi assomiglia a Ezio Greggio. Con Pino Arlacchi sbulacchi. Con Corrado Augias non c'è rima. Pietro Citati è uno scrittore, come Luigi Malerba, Dacia Maraini, Alessandro Barbero e Giampaolo Pansa. Jacopo Fo è il figlio di Dario Fo, che è sposato con Franca Rame. Claudia Salvatori scrive buoni libri gialli per Marco Tropea. Roberto Vecchioni un po' meno. Anna Proclemer, Giorgio Forattini, Il Male, Frigidaire, Anrea Pazienza, Disegni e Caviglia, Tanino Liberatore, Vincenzo Sparagna, Ziche e Minoggio, De Lucchi, Enzo Lunari, Claudio Sabelli Fioretti, Mannelli, Disegni e Caviglia, Vauro, Perini, Angese. Cannibale. Luca Ronconi. Uto Ughi, le gemelle Kessler. Athina Cenci e Barbara De Rossi. Ninetto Davoli e Femi Benussi e Claudia Greco con Luca Barbareschi. Davide Mengacci e la Gialappa's Band ovvero la Gialappa' band. Forse semplicemente: la Gialappa Band. In pratica, la gialappa band. Daria Nicolodi. Roland Topor. Il Maestro Mazza. Brando Giordani e Emilio Ravel.
Superciuk, Zio Paperone, Qui, Quo, Qua , Piersilvio Berlusconi, Gesù Cristo, Karl Marx, Benito Mussolini, Alexander Langer, Palmiro Togliatti, Josip Stalin, Stakanov, Peppone, Don Camillo, Topo Gigio, Ringo, Arsenio Lupin, Diabolik, Kriminal, Tiziana Maiolo, rag. Ugo Fantozzi, il gobbo di Notredame, Pietro Gambadilegno, Carmen Russo, Lory Del Santo, Giucas Casella, Sergio d'Antoni, Mino Martinazzoli, Maurizio Costanzo Show, talk show, talkshow, salotti televisivi, Telesogno, Maurizio Costanzo, Maria De Filippi, Amici, teatro Parioli, Roma, Italia, Italy, Nerio Nesi, Roberto Quaglia, lettere, Canale 5, Vittorio Sgarbi, Carmen Russo, Lory Del Santo, Giucas Casella, programmi televisivi, tivù, TV, totem televisivo, teledipendenti, teledipendenza, telegenico, Carla Bruni, telegenici, fenomeni emergenti, Luigi Cofferati, P. K. Dick, Giuliano Urbani, Bassolino, Rocco Buttiglione, Romano Prodi, Monica Bellucci, Arnaldo Forlani, Giulio Andreotti, Stefano Salvi, Carmen Russo, Lory Del Santo, Giucas Casella, Umberto Bindi, Mauro Galligani, Silvio Piola, Paola Barale, Fausto Coppi, Gino Bartali, Franco Causio, Scirea, Zoff, Burgnich, Cuccureddu, Roberto Boninsegna, Spillo Altobelli, Pietro Mennea, mitico, intellighenzia, libri on line, scrittori italiani, libri virtuali, letteratura su Internet, letteratura italiana, umorismo, humour, scrittori, humor, saggistica, saggio, Marco Taradash, Heidi, Felice Caccamo, Spock (di Star Trek) e Antonio Di Pietro, Ciriaco De Mita, Marco Pannella, Silvio Berlusconi, Massimo d'Alema, Gianfranco Fini, Fausto Bertinotti, Adelio Ciampi, Lamberto Dini,attori e attrici, pornoattori e pornoattrici, filosofi e filosofia. Marcello dall'Utri, Aristotele, Antonio Mastella, Cesare Romiti, Tiziana Parenti, Gianni Agnelli, Walter Veltroni, Carmen Russo, Lory Del Santo, Giucas Casella, Sara Simeoni, Pino Zac, Cartesio, Kant, Heidegger, Epicuro. Gilberto Govi, Fred Buscaglione, Cecchetto, Casini, la legge Merlin. Bagwan Shree Rajneesh Rower Atkinson Ŕ Mister Bean, Monica Bellucci no, Francis Fukuyama Ŕ un eretico, Silvia Melis vittima dell'Anonima Sequestri, Mara Venier, Riccardo Muti, Salvatore Accardo, Uto Ughi, Enzo Siciliano, Giovanni Tantillo, Don Milani, Sergio Castellitto, Piero Marrazzo, Jacopo Savelli e Cristina Fantoni, Alessandro Greco, Mara Venier, Gianni MinÓ, Francesca Cheyenne, Leonardo Pieraccioni, Roberta Capua, Stefania Cuneo, Mara Venier, Roberto Gentile, Adriana Volpe, Viola Simoncioni, Marta Jacopini e Guido Cavalleri, Ambra Orfei al circo, Carmen Consoli, Lorena Bianchetti, Sonia Bergamasco, Anita Laurenzi, Mario Valgoi, Francesca Barberini e Dado Coletti, Danilo Di Santo, Lori del Santo, Alessandra Bellini e Marco Di Buono, Mara Venier, Giorgio Fossa, Letizia Moratti, Stefania Ariosto, United Colors od Benetton, Carlo Freccero, Edrissa Sanneh alias Idris, Peter Van Wood, Corrado Ferlaino, Enrico Brizzi e Sauro Ciantini, Jack Frusciante, Elisa Toffoli, Milla Jovovich, Ramona Badescu, Simonetta Martone e Tiberio Timperi, Michele Guardý, Emanuela Foliero, Anna La Rosa, Davide Mengacci, Patrizia Schisa, Silia Ronchey, Patrizia Belli, Carmen Russo, Femi Benussi, Paolo Pellecani da Mara Venier, Beppe Dossena con Gene Gnocchi, Magazzini Einstein, Simonetta Tavanti e Anna Magnani, Ela Weber, Luca Laurenti, Filippo Martinez, Laura Antonelli, Enrico Papi, Michelle Hunziker e Walter Nudo, Mara Venier ed Elisabetta Ferracini, Umbria Jazz, Janira Majello con Luca Sardella, Mara Venier, camera iperbarica, Antonella Clerici e Maurizio Losa, Milly Carlucci, Marco Liorni, Marco Balestri assieme a Gabriella Carlucci, Miriana Trevisan, Amanda Gutierrez e Daniela Castro e Andrea Del Boca, Lori Del Santo, Gianfranco Funari, Bankitalia, camere iperbariche, Massimo Giletti, Disokkupati, Barbara Modesti, Mara Venier, Fiorenza Mursia, Luigi Berlinguer, Marta Russo, Alessandra Borghese, Babilonia, Rosemary Altea, Lady Diana e Dodi Al Fayed, Margherita Agnelli, Luca De Biase, Mao Zedong e Pol Pot, Milan Kundera, suor Germana, Carmen Covito e Alessandro Barbero, Stefano Marcelli, Luca Formenton, Alberto Arbasino, Titanic, Padre Raniero Cantalamessa, Vangelo, Fatima, I segreti di Fatima, Monica bellucci, Kim Basinger, Adriana Asti, Tamagotchi, Giovanni Rana, Milo Manara, Raoul Bova, George Soros, Giovanni Cantagalli sostituito da Carlo Gilardi e Maurizio Venturato, Giaime Pintor. carteggio, star televisive, telepromozioni, consigli per gli acquisti, libri buoni, sballi, sballoso, demenziale, fuori di testa, demenziali, società italiana, VIP italiani, Striscia la notizia, Antonio Ricci, satira, sociologia, psicologia, sesso, sex, filosofia, filosofia moderna, sballato, letteratura non mimetica, fantascienza, Roberto Baggio, Weah, Arrigo Sacchi, SF, politica, cultura, pubblicità, estrapolazione, intelligente, sballato, scrittori emergenti, intelligenza, fantasia, Elio e le storie tese, Bruno Vespa, Giorgio Bocca, Umberto Eco, Piero Angela, Mike Bongiorno, Fazio, Renzo Arbore, Pacciani, Claudia Koll, Mara Vernier, Laura Freddi, Valeria Marini, Ezio Greggio, Anna Falchi, Carmen Russo, Lory Del Santo, Giucas Casella, Italian myths, pazzesco, divinità, totem, Giorgio Forattini, Il Male, Frigidaire, Carla Bruni, Andrea Pazienza, Disegni e Caviglia, Gene Gnocchi, Tullio Solenghi, Beppe Grillo, Teo Teocoli, Luca Barbareschi, Barbara De Rossi, Giorgio Gori, Carlo Freccero, Aldo Busi, Maurizio Nichetti, Sabrina Salerno, Simona Ventura, Antonella Elia, Giorgio Bocca, Enzo Biagi, Stefano Benni, Vasco Rossi, Jovanotti, Italo Calvino, Alberto Bevilacqua, Carmelo Bene, Pier Paolo Pasolini, Terence Hill, Adriano Celentano, Jessica Rizzo, tabù, Alberoni, archetipo, archetipi, mito, Carla Bruni, troppo giusto, flippato, Cicciolina, Ilona Staller, Moana Pozzi, Selen, pornostar italiane, Ambra Angiolini, trance, dogmi, eresia, religione, sacerdotale, cattolicesimo, mitico, Trance, dogma e dogmatico, eresia ed eretico, religione e religioso, autoritÓ sacerdotale, rispetto dell'autoritÓ sacerdotale, profano e profanazioni, scismatico e scisma, Gianni Boncompagni, Pippo Baudo, Dio, Madonna, Alberto Tomba, genio, genialità, geniale, Luciano Rispoli, Eva Grimaldi, Roberto Benigni, Giobbe Covatta, Oscar Wilde, Lupo Alberto, Piersilvio Berlusconi, Gianni Letta, Marcello Dell'Utri, Alan Ford, Giorgio Armani, Gianni Versace, Dolce & Gabbana, Luciano Benetton, Krizia, Luciano Pavarotti e Monica Bellucci con Francesco Nuti ma senza Martina Colombari né Angela Cavagna o Alberto Castagna e Paolo Bonolis che ama Laura Freddi ma non Eva Grimaldi o Alessia Marcuzzi che ne varrebbe la pena o Lorena Forteza o Alessia Merz mentre Ornella Muti e Alba Parietti sono cult, o demenziale, da demenzialità, uno scrittore pazzo, colmo di pazzia, e follia, il mostro, fazioso, Italian writers, Italian Authors, Oliviero Toscani, Enzo Iachetti, Andrea Roncato, Silvio Berlusconi, Lucio Battisti, Mina, Antonio Albanese, Monica Bellucci, Spice Girls, Luchino Visconti, Jean Michel Jarre il genio,Stefania Rocca è meravigliosa, Paola Barale è televisiva, Carla Bruni è mitica, Gaia de Laurentis è anche più mitica, Claudio Lippi e Gerry Scotti, senza Alberto Sordi, o Fiorello, Nancy Brilli, Bud Spencer, Licia Colò, Asia Argento, Dario Argento, Paola Ferrari, Heather Parisi, Wendy Windham, Natassja Kinski, Antonella Clerici, Carla Bruni, Giancarlo Magalli, Paolo Liguori, Enzo Siciliano, Enrico Mentana, formula uno o formula 1, Satana, Carla Bruni, Satanasso e satana e satanasso, il diavolo, Mefistofele e Belzebù, detti anche mefistofele e belzebù, satanismo e riti satanici, Kierkegaard, Platone, Socrate, Veronica Lario, Tanino Liberatore, Vincenzo Sparagna, Frank Simon, Lasse Braun, Leo Salemi, Luca Damiano, Mario Salieri, Marzio Tangeri, Silvio Bandinelli, Steve Morelli, Teresa Orlowsky, Simona Valli, Francesca Ray, Pussycat, Mauriza Paradiso, Ave Ninchi, Vanna Marchi, Pamela Miti, Manya, Rossana Doll, Clarissa Bruni, Luana Borgia, Erica Bella, Barbarella tendono alla nudità in misura difforme.
Automobilismo e Formula Uno, calcio e sci, sport e cinema, fumetti e televisione, tivù e TV, fantascienza e scienza, sacricicio di vergini sacrificali, politica, sesso e rock n' roll, il leggendario, il genuino, il fiabesco, la cultura, il neorealista, neorealismo italiano, il pioniere, il misterioso. Ed ecco allora una lunga lista di belle fighe italiane che non guasta: Isabella Rossellini, Paola Barale, Monica Bellucci, Nadia Bengala, Brigitta Boccoli, Nancy Brilli, Carla Bruni, Karen Mulder, Linda Evangelista, Fanny Cadeo, Angela Camuso, Deborah Caprioglio, Angela Cavagna, Sabrina Ferilli, Laura Chiaverri, Martina Colombari, Galagoal, Carmen Russo, Lory Del Santo, Giucas Casella, Francesca Dellera, Barbara de Rossi, Dalila Di Lazzaro, Anna Falchi, Sabrina Ferilli, Emanuela Folliero, Laura Freddi, Valeria Golino, Serena Grandi, Eva Grimaldi, Anna Kanakis, Claudia Koll, Carla Liotto, Alessia Merz, Francesca Neri, Sabrina Salerno, Stefania Orlando, Laura Valci, Carla Liotto, Alessia Marcuzzi, Valeria Marini, Alessia Merz, Ornella Muti, Cristina Quaranta, Francesca Neri, Stefania Orlando, Federica Panicucci, Alba Parietti, Cristina Quaranta, Sabrina Salerno, Laura Valci, Simona Ventura, Riccardo Gay, Litfiba, Timoria, Kool & the Gang, Living Color, Van Morrison, Tito Puente, Lenny Kravitz, Duran Duran, Shaggy, Alanis Morissette, East 17, Tears for Fears, Rave.
Un po' di calciatori di calcio: Weah, Vieri, Ronaldo, Battistuta, Del Piero, Roberto Mancini, Gianluca Vialli, Ravanelli, Zola, Maldini, Massaro, Cantona, Diego Armando Maradona, Edson Arantes do Rinascimenti, detto Pelé o Pelè, Deborah Compagnoni o Debora Compagnoni, Barbara Alberti, Michael Schumacher, Jacques Piquet, Alain Prost, Ayrton Senna, Mario Andretti, Stewart, Damon Hill, Graham Hill, Emerson Fittipaldi, Niki Lauda, Mansell, Luc Alphand, Amodt, Kius, Kristian Ghedina o Cristian Ghedina o Christian Ghedina o Khristian Gedina, Sikora, Isolde Kostner, Seitzinger, Pernilla Wiberg, Anita Wackter, Vreni Schneider, Lara Magoni, Ortlieb, Luca Cattaneo, Matteo Nana, Eric Seletto, Adriano Panatta, Omar Camporese, Diego Nargiso, Pescosolido, Renzo Furlan, Gaudenzi e Lori del Santo e Tinì Cansino con Giuseppe Garibaldi, d'altra parte Bettino Craxi con Luca Iosi, Tattarella, Mancuso, Amintore Fanfani, Aldo Moro, Giuseppe Saragat, Pietro Nenni, Giuseppe Mazzini, Cavour, Nino Benvenuti, Gimondi e Moser, Bugno e Cirino Pomicino, discoteche e Gianni de Michelis, Larizza e La Malfa, Omar Sivori e Giacinto Facchetti e Gianni Brera. Futurismo ed esistenzialisti. Futuristi ed esistenzialismo. Puttane e gigolò. Puttana e Fassbinder. Troie famose. Omero e omertà. Achille Ochetto e l'Illiade. La banda della uno bianca o la banda della Uno bianca? Eva Mikula! Clemente Mimun e Don Sturzi o don Sturzi. Giovanni Falcone e Borsellino. Mani pulite. Fabio Fazio e Idris. mitico, Roberto Quaglia, lettere, Canale 5, Stefano Benni, Pippo Baudo, Paolo Bonolis, Pippo Baudo, Mike Bongiorno, Federico Fellini, Ambra Angiolini, Enrico Mentana, Piersilvio Berlusconi, Gianni Letta, Marcello Dell'Utri, Veronica Lario, Giorgio Forattini, Il Male, Frigidaire, Anrea Pazienza, Disegni e Caviglia, Tanino Liberatore, Vincenzo Sparagna, Francesca Ray, Mauriza Paradiso, Vanna Marchi, Rossana Doll, Luana Borgia, Barbarella.Ornella Muti, Alba Parietti, Sabrina Salerno, Simona Ventura, Antonella Elia, humor, saggistica, saggio, carteggio, star televisive, telepromozioni, consigli per gli acquisti, libri buoni, sballi, sballoso, demenziale, fuori di testa, demenziali, societÓ italiana, VIP italiani, Striscia la notizia, Antonio Ricci, satira, sociologia, psicologia, sesso, sex, filosofia, filosofia moderna, sballato, letteratura non mimetica, fantascienza, Roberto Baggio, Weah, Arrigo Sacchi, SF, politica, cultura, pubblicitÓ, estrapolazione, intelligente, sballato, scrittori emergenti, intelligenza, fantasia, Elio e le storie tese, cult, Alberto Castagna, Paolo Bonolis, Vincenzo Mollica, Asia Argento, Claudia Koll, Aldo Busi, Stefano Benni, Pippo Baudo, Paolo Bonolis, Pippo Baudo, Mike Bongiorno, Federico Fellini, Raffaella Carrà, Gianni Riotta, Gianfranco Funari, Stefania Sandrelli con Giordano Bruno e Brosio e Giordano Bruno Guerri vanno da Irene Pivetti o Veronica Pivetti o l'abate Faria insieme a Hermann Hesse e Paolo Brosio o Mendella a casa di Franca Valeri. Jean Paul Sartre e Simone de Beauvoir con Lucio Colletti non vanno da Enzo Bettiza da Bertolt Brecht, perche' Saverio Vertone e Gianni Baget Bozzo. Dante Alighieri e la Divina Commedia fanno Boccaccio a Renzo de Felice o Marco Bellocchio. Andrea Bocelli ed Enrico Caruso con Luciano Berio e Lucio Dalla vanno a nozze con Philip Glass e Oscar Wilde. Franco Nero in trasmissioni televisive con il metronotte Zanfretta, avvistatore di UFO. Celebri avvistatori di UFO o U.F.O. sono forse Otelma, in arte il conte dott. Marco Belelli e Gianni Amelio che non e' la fattucchiera napoletana Amelia. Eugenio Finardi, con Tinto Brass e Umberto Bossi, con Enzo Braschi e Luigi Pistarino, con Francesco Speroni fanno Intifada o intifada durante il sessantotto oppure Sessantotto. Il 68. O il 69. Il sessantanove. Il settantasette. Emilio Salgari e l'omosessualità. Ricostruzione de La Fenice. Poi c'e' lo SMAU, il SIM, il SICOF e il FUTURSHOW. Carla Fendi e Stefano Rodotà con Beniamino Placido e Vittorio Caprioli, i Gufi, i New Trolls, Nanni Svampa, Gianni Magni, Enrico Montesano, Tutti i nomi che casualmente appaiono nell'accozzaglia di lettere nei paragrafi precedenti, sono un prodotto del caso o della fantasia della mia scimmia, che ha casualmente battuto per qualche tempo con le dita sui tasti del mio computer quando io mi sono distratto in cucina a rosicchiare parmiggiano reggiano. Ogni involontario riferimento o assonanza a persone realmente esistenti è puramente casuale. E comunque, scemo chi legge. Questo dovrebbe essere chiaro. A tutti. Tranne a chi legge.